Lo Stretto di Drake

12th novembre 2014

Giorno 05

Durante la notte abbiamo ballato non poco con la nave, anche se l’oceano è più calmo del solito (così ci dice la crew).

Nonostante avessimo i cerotti per prevenire il mal di mare Chiara non è stata molto bene ed è stata a letto tutto il giorno.
Veniamo svegliati dal capitano con un “good morning passengers”, sono le 7.30 alle 8.00 si può andare a fare colazione e poi verso le 9.00 iniziano i vari incontri con la crew.

Con la rompighiaccio che continua ad oscillare dobbiamo aggrapparci ai vari corrimano presenti su tutta la nave e camminiamo tutti storti in contrapposizione con l’inclinazione della nave.
Anche durante la colazione veniamo un po sballottati a destra ed a sinistra, per fortuna che su ogni tavolo c’è una tovaglietta che trattiene piatti, bicchieri e posate in modo che nulla ci possa cadere addosso.

Durante la mattinata ci spiegano come si svolgeranno le attività nei prossimi giorni, una volta sbarcati in Antartide.
Ogni attività ha un paio di membri della crew che la gestiscono e ci spiegano cosa dobbiamo fare e come ci dobbiamo comportare una volta scesi a terra.

Mentre navighiamo ci girano intorno alcuni uccelli che sembra vogliano accompagnarci fino al continente bianco. Nello specifico vediamo Antarctic Prion, White-chimed Petrel, Wandering Albatros, Grey Headed Albatros, Black Bowed Albatros, Cape Petrel e molti altri.

Verso le 15.00 assisto ad un corso base di fotografia nel quale ci spiegano come settare le nostre macchine fotografiche per riuscire ad immortalare al meglio i ghiacci che domani inizieremo a vedere e i vari animali che popolano le aree dove passeremo noi.

Chiara rimane sempre in camera, ogni tanto passo a vedere come sta e le porto qulacosa di secco da mangiare così da aiutarla contro il mal di mare.

Alle 18.00 ci riuniamo nuovamente tutti nella louge room dove ci spiegano che domani entreremo nelle acque del continente antartico ed inizieremo a vedere i primi blocchi di ghiaccio, sarà fantastico.

Durante la cena il capitano ci avvisa che un paio di orche ci stanno seguendo e tutti corriamo agli oblò per vedere dove sono.
Riusciamo a scorgerne le pinne che entrano ed escono dall’acquam uno spettacolo emozionante.

Faccio preparare per Chiara un bel riso in bianco (stile ospedale) sperando che la possa far sentire meglio, speriamo così potremo assistere insieme ai vari incontri con la crew che sono fondamentali per capire cosa fare durante le varie escursioni.

Devo dire che dopo una giornata sulla nave che si inclina continuamente da una aprte e dall’altra mi sono ormai abituato, chissà quando scenderemo terra se riusciremo a camminare dritti o staremo tutti storti, già mi vedo in stile zombie che cammino barcollando e trascinando i piedi.

Ora mi trovo nella lounge room a scrivere questo articolo mentre stanno proiettando un documentario sulle prime spedizioni fatte in antartide, molto interessante ma allo stesso tempo inquetante per come affrontavano l’oceano.

6 commenti

  1. Ale ha detto:

    Forza Chiara riprenditi, …. che il ghiaccio ti aspetta!!!!!
    Un abbraccio a tutti e due

  2. Dido ha detto:

    Daiiiiii Chiara! Siamo tutti con te! Forza e speriamo domani sia meglio!
    Kino ce la fai a caricare qualche foto?
    In culo alla balena … Senza offesa a quelle di oggi!

  3. Robi ha detto:

    Ciao zii abbiamo letto le vostre avventure per addormentarci che emozione .
    Un bacio Ro So Gek Mati.

  4. Mamma ha detto:

    Chiara mangia sempre cibi asciutti,acquista forze e coraggio altrimenti perdi queste occasioni che sono rare.luca aggiorna man mano tua moglie solo così la sua mente penserà’ad altro.Ciao e reggetevi a vicenda.

    • effectivestudio ha detto:

      Ciao Ma qui tutto bene, Chiara si è ripresa.
      Tente aggiornati i genitori di Chiara.
      Ciao baci 🙂

  5. Susy ha detto:

    Ciao kino non ti preoccupare siamo aggiornati!! vi seguiamo sia noi che la Ele !! Speriamo che la kia si riprenda!!! Buona avventura!!!
    Bacioni!!!

Lascia un commento

I dati personali da lei forniti, verranno utilizzati nei limiti e per il perseguimento delle finalità relative al presente modulo, nel rispetto dei principi stabiliti dal Codice della Privacy (D.Lgs. 196/2003) e per esercitare i diritti a lei riconosciuti dall'articolo 7 del Codice della privacy suddetto, potrà rivolgersi al Titolare del trattamento scrivendo a info@effectivestudio.com
Maggiori informazioni Privacy Policy